Consiglio Direttivo

Presidente:

Claudio Tugnoli (Budrio, 1953), già docente di Filosofia e Storia nei Licei, ha conseguito l’Idoneità di Professore Associato in Filosofia Morale nel 2005, confermata dall’Abilitazione Scientifica Nazionale del marzo 2014. In servizio presso l’IPRASE del Trentino nel periodo 1999-2003, ha curato una dozzina di pubblicazioni che documentano l’attività di formazione e aggiornamento degli insegnanti promossa dall’Istituto. Accademico degli Agiati, membro del comitato scientifico di ASES (Associazione di Studi Emanuele Severino) da febbraio 2017, segretario della rivista Rosmini Studies, membro del Comitato scientifico del Centro Rosmini presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento, tiene lezioni e seminari periodici su logica ed etica dell’argomentazione presso il Dipartimento di Sociologia dell’Ateneo trentino. Collabora con le riviste: Dialegesthai, Filosofia e Teologia, Open Journal of Philosophy, Philosophy Study, Per la filosofia, QuiLibri, Rosmini Studies. Numerosi gli interventi su academia.edu. È autore di alcune decine di saggi e traduzioni (da tedesco, francese e inglese), nonché di qualche centinaio di articoli e recensioni critiche dedicati ad argomenti di filosofia morale, filosofia della religione e antropologia filosofica. Ha pubblicato infine testi poetici sia in dialetto budriese (con traduzione italiana) che in italiano. Sia i saggi che i testi poetici sono stati oggetto di premi e riconoscimenti in diversi concorsi letterari.

Vicepresidente:

Nadia Scappini (Bagno di Romagna, 1949) vive a Trento. Laurea in lettere classiche all’Università di Padova (1972), dopo l’insegnamento nei Licei di Trieste e Trento, si occupa di promozione culturale, scrittura e critica collaborando con la pagina culturale di quotidiani locali (ha curato su L’Adige una rubrica di poesia) e con riviste nazionali. Presente sul sito di “Italian poetry”, ha organizzato Caffè letterari, Convegni e Seminari di studio su Poesia e Mito, su  Giornalismo e Cultura,  nonché il Premio di poesia Città di Trento-oltre le mura 2018. Numerose le pubblicazioni tra poesia, narrativa, saggistica e critica, nonché i riconoscimenti nazionali. Suoi testi sono stati tradotti in inglese, tedesco, spagnolo.

Consiglieri:

Manuela Baldracchi (Pieve di Bono, 1959) vive a Trento. Laureata in architettura presso l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia ed iscritta all’Ordine degli Architetti della Provincia di Trento. Svolge la libera professione nello studio ArteArchitettura, da lei fondato, impegnandosi principalmente nella progettazione architettonica di edifici di interesse pubblico ed uso collettivo, restauro di edifici e manufatti di interesse storico-artistico, riqualificazione ambientale con opere di interesse naturalistico e paesaggistico, progetti espositivi, cura e allestimento di mostre d’arte.
Ha collaborato con numerosi Enti pubblici e Comuni, in particolare con la Soprintendenza per i Beni culturali e il Servizio Grandi Opere Civili della Provincia autonoma di Trento, con il Castello del Buonconsiglio, con il Servizio Restauri, Edilizia Pubblica, l’Ufficio Parchi e Giardini e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Trento. Ha diretto la Commissione Cultura dell’Ordine degli Architetti e PPC della Provincia di Trento (2001-2002 e 2009-2011) organizzando attività, seminari ed incontri con rappresentanti della cultura architettonica di fama internazionale. Ha prodotto articoli e pubblicazioni di carattere storico-architettonico e ha tenuto corsi per il tempo disponibile per l’Associazione di promozione sociale Il Chiese con lezioni sui temi dell’architettura popolare, del paesaggio alpino, della storia dell’arte. Fa parte di varie realtà associative tra le quali Formatoarte di Trento, Italia Nostra-Sezione Trentino, Società di Studi Trentini di Scienze Storiche, dal 2018 è componente del Comitato di Indirizzo della Fondazione Caritro.

Edoardo Bruni (Trento, 1975) è pianista e compositore. Dopo gli studi classici, si è diplomato in pianoforte col massimo dei voti presso i Conservatori di Trento (Maddalena Giese) e di Rotterdam (Aquiles Delle Vigne), perfezionandosi poi con Cohen, Berman, Schiff, Margarius. Laureato in filosofia presso l’Università di Padova, ha conseguito il dottorato di ricerca in musicologia delle Università di Trento e di Paris 4 – Sorbonne. Diplomato in composizione col massimo dei voti presso il Conservatorio di Trento (Armando Franceschini, Carlo Galante, Cosimo Colazzo), si è perfezionato con Müllenbach, Corghi, Bacalov. Svolge attività concertistica in Italia ed in Europa: si è esibito in cartelloni prestigiosi in cui comparivano anche artisti del calibro di Yo Yo Ma, Canino, Pogorelich, Bollani, Campanella. Le sue composizioni sono eseguite in Italia ed Europa. È invitato come membro di giurie di concorsi nazionali ed internazionali. Ha insegnato presso i conservatori di Verona, Padova, Trento, Siena, Frosinone, Riva del Garda, Darfo. Attualmente insegna lettura della partitura presso il conservatorio di Vicenza. È fondatore e presidente dell’Associazione Ars Modi, per cui cura la direzione artistica di numerosi festival musicali. Ha inciso per la casa discografica francese Anima Records le Variazioni Goldberg di Bach e due CD di composizioni proprie.

Paolo Dalpiaz (Trento, 1956) vive a Trento. Dopo la laurea in Economia Politica presso l’Università di Trento (1981) ha ricoperto ruoli manageriali in Banca di Trento e Bolzano, ISA, Ferrari Spumanti, Tecnofin Trentina, Cassa del Trentino. Ha maturato particolari esperienze e competenze in materia di ristrutturazioni aziendali, fusioni e acquisizioni, gestione di aziende ed organizzazioni complesse. Dal 2004 al 2013 docente a contratto presso la Facoltà di Economia dell’Università di Trento. Da sempre attento alla realtà associativa e culturale del Trentino, partecipa attivamente al Rotary Club Trentino Nord (di cui è stato Presidente nell’a.r. 2017-18), nonché al Premio di poesia Città di Trento-oltre le mura 2018.

Emanuela Merlo (Trento, 1949), dopo la maturità classica (Liceo “G. Prati” di Trento), laurea in Scienze Biologiche ((Università degli Studi Padova), incarichi di Ricerca dal CNR (Istituto Patologia Generale – Univ. Padova), insegnamento nella Scuola Statale per 36 anni – con l’incarico di referente alla salute per circa 20 anni; infine il pensionamento. Interessata al mondo culturale: scienze, medicina, pedagogia, musica, letteratura. Fa parte attiva di varie associazioni culturali (Società di Scienze Naturali del Trentino, Archeo Trento, Associazione “A. Rosmini”, Circolo Bonporti, FAI di cui è stata delegata) e di gruppi di volontariato sociale. Dal 2009 componente sia della Commissione Cultura che della Commissione Politiche Sociali per la Circoscrizione di Villazzano.

Gianfranco Postal (Trento, 1948) già magistrato della Corte dei conti (fino al 2017); in precedenza ha prestato servizio presso la Provincia autonoma di Trento (1975-2009) come dirigente generale (1990-2009) del Dipartimento Affari legislativi e istituzionali, come dirigente (1985-1989), come funzionario coordinatore del settore organizzazione sanitaria. Referente tecnico della Provincia Autonoma nella Commissione paritetica per le norme di attuazione dello Statuto speciale, nella Conferenza Permanente delle Regioni e delle Province autonome, nella Conferenza Stato–Regioni e Unificata, nonché presso l’Unione Europea. È stato vicepresidente di Informatica Trentina s.p.a., consigliere dell’Agenzia del Lavoro, di Tunnel Ferroviario del Brennero S.p.a., di Trentino School of Management. Componente della Commissione Statuto dell’Università degli studi di Trento. Componente della Commissione Tecnica per l’Accordo di cooperazione tra Provincia e Regione Veneto, della Commissione Intergovernativa Italia – Austria per il Tunnel ferroviario di base del Brennero. Collabora con l’Università degli Studi di Trento, componente (dal 2013) del Gruppo di ricerca Autonomie speciali alpine e Laboratorio di Innovazione Istituzionale (LIA); collabora altresì con l’Università degli Studi di Udine come componente del gruppo di ricerca “Officina Autonomia e Istituzioni” (Dipartimento Scienze giuridiche) dal 2017. Ha pubblicato alcune decine di saggi ed articoli in materia di diritto regionale, delle autonomie locali, di finanza regionale, di controllo della spesa pubblica e di regolamentazione delle fonti di energia.

Matteo Taufer (Trento, 1973) è docente titolare di greco e latino presso il Liceo ‘G. Prati’ di Trento. Dopo aver conseguito la laurea in Lettere Classiche e il dottorato in Filologia Classica ha tenuto corsi di lingua, metrica e letteratura sia greca sia latina presso l’Università di Trento (2003-10) ed esercitazioni di filologia e metrica greca presso l’Università di Lipsia (2013-14). Idoneità a professore associato in letteratura greca dal 2013 e in filologia classica dal 2014. È membro eletto di società scientifiche (Accademia degli Agiati, Societatea de Studii Clasice din România, Associazione Italiana di Romenistica, Società di Studi Trentini di Scienze Storiche), della Redazione di «Lexis» (rivista di filologia classica di fascia A) e del Direttivo nazionale dell’Associazione Italiana di Cultura Classica (AICC). Dal 2010 presiede la Delegazione del Trentino – Alto Adige/Südtirol (Delegazione di Trento fino al 2017) dell’AICC, in seno alla quale ha organizzato varî convegni scientifici di profilo internazionale. Autore di un centinaio di pubblicazioni, tra cui alcune monografie, ha tenuto numerose relazioni in Italia e all’estero, pure in tedesco e in romeno. Aree di ricerca privilegiate: tradizione manoscritta e a stampa di Eschilo, in specie del Prometheus Vinctus; dialoghi delfici di Plutarco; figure sciamaniche e taumaturgiche nella tradizione greca; simbolismi mitico-sacrali.

Marco Viola, 68 anni, coniugato, ha due figli. Laureato in Lettere all’Università di Padova e diplomato in Archivistica, paleografia e diplomatica, ha lavorato presso la Provincia Autonoma di Trento dal 1974 al 2010, occupandosi di attività e beni culturali, di immigrazione ed emigrazione, di pubbliche relazioni e di cooperazione allo sviluppo. Vive a Trento. Ha pubblicato saggi su argomenti di storia locale e di politica culturale e linguistica. È presidente della Corale “Città di Trento” e si dedica alla lettura e al volontariato.